Arte islamica

Per arte islamica si intende l’insieme della produzione artistica che, a partire dall’Egira (622 d.c.) fino al XIX° secolo, con un periodo di particolare fulgore tra il XII° e il XV° secolo, fiorisce ricchissima in territori culturalmente legati all’Islam: la Spagna, il Medio Oriente, il Nord Africa, fino all’India settentrionale, e a Nord l’odierno Uzbekistan fino a raggiungere i confini dell’Impero Cinese. I contatti culturali e religiosi con il mondo greco, bizantino, mediterraneo e la rielaborazione in chiave semitica delle tradizioni passate (caratteristica soprattutto del primo periodo) danno all’arte islamica un grande impulso creativo: assorbe le suggestioni delle civiltà che l’hanno preceduta, e si arricchisce di motivi e tecniche attinte all’arte locale, rinnovandole in un’esperienza inedita e originale. Si sviluppa su una direttrice di sorprendente omogeneità, un’identità definibile come islamica che poggia sulla calligrafia e sui motivi ornamentali geometrici e floreali, pur senza impedire la libera crescita di linguaggi specifici. Essa riguarda ambiti assai vari, e non solo religiosi: l’architettura, la calligrafia, la pittura, la miniatura, la ceramica, la pietra intagliata, il legno scolpito e intarsiato, la lavorazione dei metalli, l’oreficeria, la tessitura, ecc. I primi manufatti islamici sono molto difficili da distinguere da quelli preislamici, sassanidi e bizantini; è con il califfato degli Omayyadi (661-750), che inizia la fioritura dell’arte islamica propriamente detta, che poi svilupperà e si estenderà durante i vari califfati che si succederanno in diversi ed estesi ambiti territoriali: gli Abbassidi (750-1258, che spostano la capitale da Damasco a Bagdad), i Fatimidi (909-1171), i Selgiuchidi (1037-1299), gli Ayyubidi (1169-1260), i Nasridi (1230-1492), i Mamelucchi (1250-1517), i Safavidi (1501-1732), i Mongoli(1526-1858,) e gli Ottomani (1299-1924).

Achitettura

La prima grande innovazione dell’arte islamica riguarda l’architettura, con una tipologia di edifici completamente nuova, sia in ambito religioso (moschee, madrase), che civile (fortezze, alcàzar, caravanserraglio, bagni pubblici). La aniconicità della religione (anche se limitata, appunto, alla produzione legata alla sfera religiosa), non favorisce lo sviluppo della scultura e della pittura figurativa come in Occidente; da questo interdetto ha origine la ricchissima tipologia decorativa dei rivestimenti di stucco, formelle, mattonelle invetriate e mosaici, che attraverserà tutta la storia della civiltà e dell’arte islamiche, sostituendo i dipinti. Si afferma raffinandosi sempre di più un linguaggio ornamentale ispirato alle forme geometriche, ai caratteri dell’alfabeto arabo e alle forme vegetali, rielaborate e intrecciate, dalla cui stilizzazione derivano i cosiddetti arabeschi.

Arti applicate

Uno degli aspetti più notevoli della tradizione artistica islamica è rappresentato dalla lavorazione della ceramica, tecnica che fu oggetto di interesse paragonabile a quello riservato alle arti maggiori in altre culture, e che si evolve e arricchisce anche grazie all’incontro con le tradizioni dei paesi conquistati. Si usa la tecnica dell’ingobbio, rivestendo gli oggetti di una patina incisa a graffiti, oppure il decoro a lustro, tecnica derivata dai maestri vetrai egiziani, che integra un sottile strato metallico nella ceramica creando effetti cromatici iridescenti. Stimolante l’incontro con la porcellana cinese che porta in Egitto a una produzione monocroma, a vernice turchese; straordinarie sono le ceramiche cosiddette champlevé, derivanti dalla tradizionale tecnica dell’ingobbio. I più bei manufatti sono quelli realizzati fra il XII° e il XIII° secolo con la ceramica laqabi, incisa a stecca e impreziosita da colature di colore, minai, di grande fantasia e splendore cromatico, lyvardina, di magnifiche tonalità lapislazzuli. Nel vasellame di uso quotidiano, accanto alle forme tradizionali (come i piatti con brevi iscrizioni tra cui spiccano quelli iraniani di Nishapur), si trovano manufatti di grandissima ricchezza formale, come i pezzi zoomorfici. Famose le ceramiche di Iznik, con delicati motivi di tulipani o giacinti, che ornano il Topkapi Sarayi di Istambul. Anche il legno può diventare decorazione raffinatissima, attraverso l’intaglio e una lavorazione ad intreccio di particolare delicatezza e bellezza, come nella Maschrabiyya, la caratteristica grata finemente traforata che scherma le aperture; oppure può essere impiegato nella costruzione di manufatti raffinati, spesso legati al culto, come i leggii per il Corano, o i minbar (sorta di pulpito), lavorati secondo la tecnica del mosaico ligneo ad incastri (kundekari), utilizzata soprattutto dai Turchi. Grandissima importanza viene data alla lavorazione dei metalli. Soprattutto nell’area compresa fra Persia ed Egitto, fra XI° e XV° secolo, raffinatissime botteghe artigiane producono eleganti manufatti, generalmente in bronzo e ottone (l’Islam scoraggia l’uso di vasellame d’oro e d’argento): vasellame da tavola, utensili, bruciaprofumi, specchi, bracieri, armi e armature, attrezzi e strumenti scientifici e chirurgici, candelieri, rare appliques per mobili, cofanetti per completi da scrittura. In questa produzione riveste un ruolo particolare la tecnica impropriamente detta della damaschinatura, consistente nell’applicazione su una superficie metallica lavorata a bulino di sottilissime lamine di metalli differenti, per creare iscrizioni o disegni. Si lavorano con grande perizia anche l’avorio, intagliato e intarsiato, il cristallo di rocca, per farne rarissimi recipienti, il vetro, su cui si sperimentano nuovi metodi per creare oggetti intagliati, smaltati e decorati a stampo (per lo più coppe e lampade), fabbricati soprattutto in Siria nel XII secolo, riconoscibili per la decorazione a iscrizioni e fasce di disegni. Legata in modo particolare alla dinastia mongola è invece l’arte dell’oreficeria, grazie anche alla ricchezza e varietà di pietre presenti nel sottosuolo indiano, loro territorio, mentre durante il regno Ottomano si diffonde l’uso di ricoprire di pietre preziose o semi-preziose anche semplici oggetti d’uso. Altro importante settore delle arti decorative islamiche è rappresentato dalla lavorazione del cuoio, sia per rilegare i libri (anticamente decorati con incisioni a bulino e disegni geometrici a rilievo, e poi, dal Cinquecento, dorati e dipinti a smalto), sia per produrre finimenti per cavalli e oggetti destinati alla falconeria. L’altra tipica e importante forma di artigianato che si fa arte sono i tappeti. Legati inizialmente al nomadismo (con il tappeto si fanno sacche da viaggio, si costruisce la tenda, si prepara il giaciglio), sono realizzati con lana colorata con sostanze naturali, e tessuti su un semplice telaio di legno, utilizzando colori e disegni tradizionali della tribù, che permettono di stabilire con esattezza la provenienza del manufatto. In base alla tecnica, i tappeti si dividono in quattro tipologie principali: annodati (goliboft, i più pregiati), tessuti (kilim), ricamati (jijim), con punto a catena (sumak). I tappeti si classificano in base alla loro provenienza da una delle quattro aree principali: il Caucaso, caratterizzato da un disegno geometrico; l’Anatolia, con motivi geometrici intrecciati e ripetuti (famosi in Europa gli Holbein e i Lotto, così chiamati dai nomi dei pittori che spesso li hanno riprodotti); l’Iran, impreziosito da motivi floreali e figurativi di grande raffinatezza, caratterizzati da nodi più piccoli (senneh); l’Asia Centrale, con prevalenza di motivi floreali geometrici. La forma pittorica, bandita dalla decorazione degli edifici, si volge all’illustrazione dei manoscritti: le miniature più antiche e ricche giunte fino a noi sono quelle che accompagnano la traduzione araba dei testi scientifici greci, con paesaggi vivaci di un’ingenuità affascinante, mentre le delicate miniature persiane del periodo mongolo hanno come tratto saliente i paesaggi, l’attenta rappresentazione del movimento e la complessità delle composizioni, come nello splendido esempio del Libro dei Re (XIV° secolo). Un discorso a sé merita la calligrafia, la forma di espressione più schiettamente islamica, che nulla mutua da altre culture. Nella civiltà islamica è considerata una forma artistica a se stante, articolata e completa, basata su un preciso codice e su complessi principi geometrici e ornamentali, il cui valore estetico è percepibile anche per chi non conosca l’arabo. Nel VII° secolo si sviluppano due principali tipi di scrittura: una forma corsiva, curva e tonda, e una geometrica, quadrata e severa, detta cufica (dalla città irachena di Kufa), adottata per scrivere il Corano, per decorare edifici (assumendo talvolta la forma di fregio continuo), per decorare oggetti metallici, tessuti, ceramiche e, se tracciata a smalto, per i lumi delle moschee e altri recipienti di vetro. (mb49)

Le case d’asta del settore specifico fanno mediamente un 30% di venduto.
La merce non venduta (70%) rimane inevitabilmente indicizzata con foto,descrizione e prezzo su tutti i siti specialistici. Pertanto l’oggetto rimane “bruciato” sul mercato per moltissimi anni con un pregiudizio negativo legato a tale pubblicazione.
I tempi per l’inserimento in asta e liquidazione sono sempre molto lenti.
Gognabros offre un servizio molto più performante.
Avvio immediato della procedura di perizia gratuita, acquisto o affido.
In caso di affido i tempi per la gestione e vendita si estendono al massimo in 2 settimane.
La gestione delle opere in affido è totalmente gratuita, professionale, tempestiva e assicurata.
Gognabros propone direttamente la merce alla migliore clientela nazionale e internazionale senza passare da alcun sito on line. Le opere vengono proposte individualmente ad ogni cliente.
Le informazioni commerciali rimangono totalmente riservate, in caso di invenduto non è pregiudicata la vendibilità futura dell’oggetto, che rimane “vergine” sul mercato.
La percentuale di venduto di Gognabros è oltre il 95%.
Gognabros, su vostro incarico, esegue: ricerca, acquisto gestione ecommercializzazione di opere d’arte internazionali a fini speculativi o culturali.
Il rendimento e la soddisfazione che ne consegono non hanno paragoni con qualsiasi altro tipo di investimento.


antiquariato gognasrl

GOGNABROS si occupa di restauro e commercio tradizionale di antiquariato dal 1959.

Dal 1998 ha come attività prevalente il commercio elettronico di antiquariato.

La tradizione antiquaria familiare e l’adattamento ai nuovi sistemi di vendita, sono le basi sulle quali i fratelli Guido e Gabriele Gogna hanno ideato il sito di vendite on line WWW.GOGNABROS.IT.

La sede principale si trova a Tortona (AL) nel nord-ovest Italiano.

Una fitta rete di raccoglitori ed il nome conosciuto a livello nazionale, ci permettono di acquistare quotidianamente antiquariato e arredi di alta qualità prodotti in Italia, antichi e moderni.

Personale e magazzini sono adeguati al commercio Internazionale.

Ogni opera o articolo è on-line completo di descrizione, misure, prezzi e aggiornamenti quotidiani.

Imballo e spedizione per ogni articolo sono possibili in tutto il mondo.

Per i commercianti stranieri offriamo deposito gratuito della merce prenotata fino al raggiungimento del volume desiderato.

Tra i nostri servizi la possibilità di definire condizioni personalizzate.
sito online antichita

Presso la nostra sede è disponibile una biblioteca che vanta 3300 volumi rari, tra monografie e libri d’arte.

Vi invitiamo a consultare gratuitamente tutti i nostri testi per le vostre ricerche.


biblioteca libri rari

Siamo promotori della produzione antiquaria italiana; utilizzando come canale principale di vendita il nostro sito www.gognabros.it raggiungiamo clienti in ogni parte del mondo.

Forniamo certificazioni artistiche e certificazioni scientifiche avvalendoci dei migliori esperti internazionali.

Grande visibilità è giunta anche dalle vendite eBay, con il nome di “gognasrl” siamo stati certificati dalla piattaforma ebay.it, per due anni consecutivi, numero uno in Italia per fatturato e per oggetti venduti nella categoria arte e antiquariato.

Più di 14000 clienti diversi nel mondo.

60 mila aste pubblicate con un feedback positivo al 100%

La profonda conoscenza del mercato e l’abituale collaborazione con i maggiori mercanti italiani ci permette di reperire, in qualità e quantità, opere italiane assecondando rapidamente anche il collezionista più esigente.

Cercate i nostri articoli pubblicati quotidianamente su www.gognabros.it

Parte di essi, in alternativa, sono proposti tramite Ebay con asta senza riserva a partire da 1€..

Seguiteci!

 

antiquariato antichita aste

Compro Islam arte perizia gratuita, offerta immediata gratis.

Stima Islam arte valutazione gratuita, perizia.
Prezzo Islam arte , prezzi di mercato, quotazioni.
Quanto vale Islam arte? , quanto costa Islam arte?
Invia le tue foto di Islam arte a info@gognasrl.it prezzo on-line gratis.
Gognabros acquista, compra,quota, vende Islam arte pagamento contante.
Servizio di affidamento, certificazione scientifica, certificazione artistica,
expertise, deposito, gestione,quotazione, vendita, investimento per Islam arte.
Contatta Gognabros anche su whatsapp per una consulenza gratuita immediata per Islam arte.
Gabriele Gogna +39 3495505531
Guido Gogna +39 3471341137