Tecnica pittorica fondo oro

Immagine Wikipedia

Il Fondo oro è una tecnica pittorica molto antica: usata nei mosaici fin dall’epoca paleocristiana, se ne hanno le prime tracce in pittura nell’area bizantina, ed è presente in Italia già dal XII° secolo soprattutto nei dipinti su tavola, ma anche nella miniatura e nel mosaico. Consiste nella doratura del fondo del dipinto, attraverso una tecnica che Cennino Cennini ben descrive nel suo Libro dell’Arte, importante trattato scritto in volgare all’inizio del XV° secolo. Oggi, per estensione, indica un dipinto qualsiasi che usi tale tecnica, nonché uno dei settori più ambiti del collezionismo artistico. Nei dipinti italiani del medioevo e del primo rinascimento, l’oro viene usato con valore di simbolo, un’allusione all’irraggiungibile, alla sfera celeste del Sacro. Inoltre, a differenza dell’argento e di altri metalli, è un elemento inossidabile, e perciò perennemente splendente. E’ così che fino al 1300 le figure sacre, carartterizzate da un’aura di preziosità e raffinatezza, non risaltano sullo sfondo del cielo, del paesaggio o delle architetture, ma su un campo d’oro, dove non sono possibili profondità e ombreggiature (un esempio di eccezionale bellezza è la famosissima Maestà del Duomo di Siena di Duccio di Buoninsegna). Nel medioevo l’oro è considerato un vero e proprio colore, che viene applicato alle tavole  (precedentemente stuccate attraverso un accurato e laborioso procedimento finito con due strati di gesso) in lamine sottili (foglie). Gli artigiani specializzati, i battiloro, fabbricano la foglia d’oro martellando delle monete fino a ridurle in lamine sottilissime; fino al XX° secolo il peso della foglia d’oro sarà misurato sulla base del ducato, moneta d’oro dell’Italia medievale: lo spessore è determinato dal numero di foglie (ognuna di circa 8,5 cm) ricavate da un unico ducato. Sul gesso si traccia con il carboncino di salice il disegno, perfezionato ripassandolo con “acqua chiara e alcune gocciole d’inchiostro”; quindi sulla  base del disegno la tavola viene preparata per la doratura, stendendo uno strato di bolo, un’argilla per lo più color terra di siena, (preparazione rossa), ma che esiste nella preparazione in terra verde, più antica, che conferisce all’oro una tonalità più fredda. La foglia si fissa alla base con mordenti all’acqua (di solito chiara d’uovo), lavorando per rettangoli che vengono soffiati (a causa dell’estrema leggerezza del materiale ) su un pennello e applicati con la pressione delle setole, sovrapponendo i bordi delle foglie; spesso l’oro è inciso, come  nelle aureole, con rotelle e punzoni. La superficie così ottenuta appare di un giallo opaco piuttosto piatto, che ritrova splendore solo se lisciata  (brunita) con il brunitoio (una pietra  arrotondata ma anche un dente di animale). Molti dei fondi d’oro delle pitture medievali su tavola sono strofinati sino ad ottenere una levigatezza brillante a specchio, prima che vi siano aggiunti  gli altri elementi della scena, ma alcuni  non vengono intenzionalmente bruniti, fissando così la scena dentro una tremula luce scintillante. Con Giotto, che sviluppa un suo stile personale abbandonando almeno parzialmente il fondo oro e gli schematismi bizantineggianti, la pittura torna a raffigurare il mondo, e ricompare il cielo. E’ così che nel Trecento si inizia lentamente a preferire sfondi architettonici e paesistici, riducendo gradualmente la percentuale di tavola decorata a oro, una scelta pittorica in cui la scuola senese si trova all’avanguardia. Ma è solo con il pieno Rinascimento che giunge la consapevolezza del valore degli sfondi realistici, e la tecnica del fondo oro comincia a cadere in disuso, in concomitanza con la scoperta della pittura a olio, che permette un maggior gioco di luci, consentendo di percepire volumi e profondità all’interno dei dipinti: protagonista diventa l’uomo, non più il sacro. La tecnica del fondo oro resta in uso comunque ancora a lungo, almeno per tutto il Cinquecento, sia per particolari richieste della committenza, sia per un persistere del gusto arcaico in zone più periferiche. Nelle zone di influenza della religione  ortodossa la tecnica non ha mai subito cali di popolarità, venendo tuttora usata nella realizzazione delle icone. In epoca moderna la foglia d’oro è stata utilizzata da molti pittori ed artisti, fra i quali il più famoso è senza dubbio Gustav Klimt (1862 – 1918). Durante quella che è definita la sua  golden phase, l’artista realizza una serie di opere con la foglia oro: molto famosi  il Ritratto di Adele Bloch-Bauer (I°, 1907), e soprattutto  Il Bacio (1907/8).

Le case d’asta del settore specifico fanno mediamente un 30% di venduto.
La merce non venduta (70%) rimane inevitabilmente indicizzata con foto,descrizione e prezzo su tutti i siti specialistici. Pertanto l’oggetto rimane “bruciato” sul mercato per moltissimi anni con un pregiudizio negativo legato a tale pubblicazione.
I tempi per l’inserimento in asta e liquidazione sono sempre molto lenti.
Gognabros offre un servizio molto più performante.
Avvio immediato della procedura di perizia gratuita, acquisto o affido.
In caso di affido i tempi per la gestione e vendita si estendono al massimo in 2 settimane.
La gestione delle opere in affido è totalmente gratuita, professionale, tempestiva e assicurata.
Gognabros propone direttamente la merce alla migliore clientela nazionale e internazionale senza passare da alcun sito on line. Le opere vengono proposte individualmente ad ogni cliente.
Le informazioni commerciali rimangono totalmente riservate, in caso di invenduto non è pregiudicata la vendibilità futura dell’oggetto, che rimane “vergine” sul mercato.
La percentuale di venduto di Gognabros è oltre il 95%.
Gognabros, su vostro incarico, esegue: ricerca, acquisto gestione ecommercializzazione di opere d’arte internazionali a fini speculativi o culturali.
Il rendimento e la soddisfazione che ne consegono non hanno paragoni con qualsiasi altro tipo di investimento.


antiquariato gognasrl

GOGNABROS si occupa di restauro e commercio tradizionale di antiquariato dal 1959.

Dal 1998 ha come attività prevalente il commercio elettronico di antiquariato.

La tradizione antiquaria familiare e l’adattamento ai nuovi sistemi di vendita, sono le basi sulle quali i fratelli Guido e Gabriele Gogna hanno ideato il sito di vendite on line WWW.GOGNABROS.IT.

La sede principale si trova a Tortona (AL) nel nord-ovest Italiano.

Una fitta rete di raccoglitori ed il nome conosciuto a livello nazionale, ci permettono di acquistare quotidianamente antiquariato e arredi di alta qualità prodotti in Italia, antichi e moderni.

Personale e magazzini sono adeguati al commercio Internazionale.

Ogni opera o articolo è on-line completo di descrizione, misure, prezzi e aggiornamenti quotidiani.

Imballo e spedizione per ogni articolo sono possibili in tutto il mondo.

Per i commercianti stranieri offriamo deposito gratuito della merce prenotata fino al raggiungimento del volume desiderato.

Tra i nostri servizi la possibilità di definire condizioni personalizzate.
sito online antichita

Presso la nostra sede è disponibile una biblioteca che vanta 3300 volumi rari, tra monografie e libri d’arte.

Vi invitiamo a consultare gratuitamente tutti i nostri testi per le vostre ricerche.


biblioteca libri rari

Siamo promotori della produzione antiquaria italiana; utilizzando come canale principale di vendita il nostro sito www.gognabros.it raggiungiamo clienti in ogni parte del mondo.

Forniamo certificazioni artistiche e certificazioni scientifiche avvalendoci dei migliori esperti internazionali.

Grande visibilità è giunta anche dalle vendite eBay, con il nome di “gognasrl” siamo stati certificati dalla piattaforma ebay.it, per due anni consecutivi, numero uno in Italia per fatturato e per oggetti venduti nella categoria arte e antiquariato.

Più di 14000 clienti diversi nel mondo.

60 mila aste pubblicate con un feedback positivo al 100%

La profonda conoscenza del mercato e l’abituale collaborazione con i maggiori mercanti italiani ci permette di reperire, in qualità e quantità, opere italiane assecondando rapidamente anche il collezionista più esigente.

Cercate i nostri articoli pubblicati quotidianamente su www.gognabros.it

Parte di essi, in alternativa, sono proposti tramite Ebay con asta senza riserva a partire da 1€..

Seguiteci!

 

antiquariato antichita aste

Compro fondo oro perizia gratuita, offerta immediata gratis.

Stima fondo oro valutazione gratuita, perizia.
Prezzo fondo oro , prezzi di mercato, quotazioni.
Quanto vale fondo oro? , quanto costa fondo oro?
Invia le tue foto di fondo oro a info@gognasrl.it prezzo on-line gratis.
Gognabros acquista, compra,quota, vende fondo oro pagamento contante.
Servizio di affidamento, certificazione scientifica, certificazione artistica,
expertise, deposito, gestione,quotazione, vendita, investimento per fondo oro.
Contatta Gognabros anche su whatsapp per una consulenza gratuita immediata per fondo oro.
Gabriele Gogna +39 3495505531
Guido Gogna +39 3471341137