Mezzanzanica Cherubino

Cherubino Mezzanzanica (1790-1866) Entra a circa 10 anni nella bottega di Giuseppe Maggiolini in qualità di garzone, diventa poi operaio e cresciuto e istruito come una persona di famiglia dal figlio di Giuseppe Maggiolini, Carlo Francesco. Alla morte di Carlo Francesco, nel 1834, Cherubino Mezzanzanica, eredita l’attività compresi tutti i disegni e i modelli per i famosi intarsi. Alcune delle sue poche opere conosciute si trovano presso privati, al Museo di Arti decorative del Castello Sforzesco a Milano e a Vercelli presso il Museo Leone. A Cherubino Mezzanzanica viene infine attribuito il disegno dell’altare della chiesa dei SS. Gervaso e Protaso di Parabiago, conservato presso il Museo della Fondazione Carla Musazzi, sempre a Parabiago.