Scultura bronzo Paul Troubetzkoy raffigurante Carla Erba 0760059

ARTICOLO NON DISPONIBILE

scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__10Paolo o Paul Troubetzkoy (anche Pavel Petrovič Trubeckoj, in russo Павел Петрович Трубецкой). Intra (No),1866 – Suna (No),1938. Scultore e pittore. E’ il secondogenito del principe e diplomatico russo Pietro Troubetzkoy, grande appassionato di botanica, e della seconda moglie, la cantante lirica americana  Ada Winans. Un anno dopo la sua nascita la famiglia si trasferisce a Ghiffa, nella famosa Villa Ada, fatta costruire dal Principe tra il 1866 e il 1868 in stile chalet bernese, su progetto dell’architetto Pietro Bottini (lo stesso che nel 1863 costruisce la darsena  per la villa della Principessa Matilde Letizia Bonaparte a Belgirate,  acquisita poi dal principe russo Alessio Dolgorukij, marito di  Olga Troubetzkoy, sorella del principe Pietro).  Qui Paolo Troubetzkoy cresce in mezzo ai tanti artisti, letterati  e personaggi famosi che la famiglia ospita generosamente: i pittori Tranquillo Cremona e Daniele Ranzoni, lo scultore Giuseppe Grandi, i musicisti Catalani e Junck, il poeta e compositore Arrigo Boito, l’attrice Eleonora Duse. Proprio dalla Scapigliatura lombarda, quella di Ranzoni e Cremona (dei quali il padre Pietro è un convinto sostenitore), di cui respira gli umori, i sapori e gli ideali,  inizia la ricerca scultorea del giovane Paolo Troubetzkoy; soprattutto Ranzoni che, considerato un vero e proprio amico di famiglia, a Villa Ada è spesso ospite per lunghissimi periodi in uno chalet a lui riservato, insegna pittura ai tre fratelli Troubetzkoy (Paul, Pierre, il primogenito che diverrà pure lui pittore, e Luigi, ingegnere e imprenditore), realizza molte opere che abbelliscono la villa (il ritratto della principessa su una parete della casa, i vasi artistici sui muretti lungo il ruscello), e dipinge anche una famosa e bella veduta della villa Principessa Matilde (oggi in collezione privata).

 

Foto-link di recente asta (18.000 euro) per analogo bronzo fonte Christies
troubetzkoy

 

 

Nel 1884 Troubetzkoy si trasferisce a Milano, dove entra in contatto con personaggi come Segantini (splendido il suo ritratto del 1896, collocato dalla famiglia sulla sua tomba), Francesco Crispi, Gabriele D’Annunzio e la famiglia Vonwiller. Studia per alcuni mesi con Ernesto Bazzaro (allievo prediletto di Grandi), ma mal sopporta lo studio sistematico: preferisce  lavorare dal vero, partendo dall’osservazione degli animali, che ama immortalare in splendide sculture singole o all’interno di gruppi plastici, come più volte fa con il suo fidato lupo Vaska; diventa così una delle principali presenze animalistiche nell’arte del bronzetto in Italia. Infatti nella sua prima esposizione (Brera, 1886) esordisce con la statuetta in bronzo Un cavallo; negli anni seguenti inizia ad eseguire e ad  esporre alle mostre i suoi ritratti, che sembrano nascere da un’estrema naturalezza del modellare, quasi cogliendo di sorpresa il soggetto. Troubetzkoy lavora a rapidi gesti di spatola su un gesso molto liquido, utilizzando la tecnica del non-finito nella trattazione delle superfici; privilegia gli aspetti intimistici e quotidiani, a volte un po’ melanconici, con un tratto quasi  impressionista ma filtrato dalla lezione della scapigliatura (impressionista della scultura lo definisce il critico suo contemporaneo Vittorio Pica). I soggetti sono quasi sempre personaggi dell’aristocrazia, della grande borghesia e  dell’arte, scelta indubbiamente collegata alla sua origine aristocratica, alla raffinata educazione internazionale e alla sua vocazione cosmopolita; ma accanto ai busti dei personaggi famosi non mancano figure di ballerine (famosissima, grazie anche alle molte imitazioni, la statuetta nuda, alta 35 centimetri, di Constance Stewart-Richardson, intitolata La danza,  il cui gesso originale è esposto al Museo del Paesaggio), di fanciulle, di bambini, a volte appartenenti alla sua stessa famiglia. La sua produzione ritrattistica è  subito accolta con grande favore; partecipa alla  prima Biennale Veneziana con il Ritratto della signorina Erba,  bronzetto che ritrae con leggerezza ed estrema eleganza Carla Erba, nipote dell’industriale farmaceutico Carlo Erba, moglie del conte Giuseppe Visconti di Modrone e madre del regista Luchino Visconti. Nel 1897 lascia Milano per la Russia, dove esegue molti ritratti di personaggi aristocratici (il principe Lev Galitzin, la principessa Gagarina, i granduchi Wladimirovich e i Romanov), incontra e ritrae Lev Tolstoj, e nel 1901 vince il concorso per il monumento allo zar Alessandro III da erigersi a Pietroburgo. L’opera riesce a scampare alla rivoluzione e oggi si trova al Museo Statale Russo di San Pietroburgo . Nel 1905, in seguito alla guerra russo-giapponese e allo scoppio dei primi moti rivoluzionari, Troubetzkoy lascia la Russia per Parigi, dove esegue i ritratti di molti personaggi celebri, riceve committenze dalla famiglia Rothschild e da Robert de Montesqiou (il Monsieur de Charlus di Proust) e diventa membro della Société Nouvelle des Peintres et Sculpteurs, presieduta da Auguste Rodin. Nel 1908 è a Londra, dove nello studio del famoso pittore John Singer Sargent esegue il busto di George Bernard Shaw. Poco dopo lo troviamo in America, dove i suoi referenti sono i Vanderbilt, esponenti di quella società borghese, ricca e colta, attratta dalla modernità europea che Troubetzkoj frequenta dalla nascita: tra gli altri ritrae Gertrude Vanderbilt Whitney, fondatrice a New York del Whitney Museum. Intuendo il nuovo grande centro di interesse rappresentato dalla nascente borghesia degli attori cinematografici, apre uno studio ad Hollywood, dove ritrae star come Mary Pickford e Douglas Fairbanks senior. Trattenuto in America dallo scoppio della prima guerra mondiale,  torna a Parigi nel 1921, nel sobborgo di Neuilly sur Seine,  ma trascorre ogni estate in Italia, alla Ca’ Bianca, la casa-studio da lui comprata nel 1912 a Suna sul lago Maggiore. (Villa Ada era stata messa all’asta nel 1887, a causa del grave dissesto finanziario che aveva colpito la famiglia). Nel 1922 la Biennale di Venezia gli allestisce una personale con 37 opere; nel 1923 la città di Pallanza gli commissiona il Monumento ai Caduti della grande guerra. Nel 1934 espone le sue opere in Egitto, al Cairo e ad Alessandria. Continua a lavorare assiduamente fino alla morte avvenuta nel 1938. Secondo il suo desiderio, gli eredi donano al Museo del Paesaggio di Pallanza tutte le opere in gesso lasciate sia nella residenza di Suna che nello studio di Neuilly sur Seine. Le sue opere sono presenti in importanti collezioni private e in grandi musei in tutto il mondo (Museo Statale Russo di San Pietroburgo, Golden Gate Museum di San Francisco, GAM di Roma, GAM di Milano, Museo del Paesaggio di Verbania- Pallanza)

scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__11

Articoli correlati

ARTICOLO CARLA ERBA

ARTICOLO PITTORE RANZONI DANIELE

scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__12

scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__13 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__14 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__15 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__16 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__17 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__18 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__19 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__20 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__21 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__22 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__23 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__24 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__25 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__26 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__27 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__28 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__29 scultura_bronzo_Paul_Troubetzkoy__30

Le case d’asta del settore specifico fanno mediamente un 30% di venduto.
La merce non venduta (70%) rimane inevitabilmente indicizzata con foto,descrizione e prezzo su tutti i siti specialistici. Pertanto l’oggetto rimane “bruciato” sul mercato per moltissimi anni con un pregiudizio negativo legato a tale pubblicazione.
I tempi per l’inserimento in asta e liquidazione sono sempre molto lenti.
Gognabros offre un servizio molto più performante.
Avvio immediato della procedura di perizia gratuita, acquisto o affido.
In caso di affido i tempi per la gestione e vendita si estendono al massimo in 2 settimane.
La gestione delle opere in affido è totalmente gratuita, professionale, tempestiva e assicurata.
Gognabros propone direttamente la merce alla migliore clientela nazionale e internazionale senza passare da alcun sito on line. Le opere vengono proposte individualmente ad ogni cliente.
Le informazioni commerciali rimangono totalmente riservate, in caso di invenduto non è pregiudicata la vendibilità futura dell’oggetto, che rimane “vergine” sul mercato.
La percentuale di venduto di Gognabros è oltre il 95%.
Gognabros, su vostro incarico, esegue: ricerca, acquisto gestione ecommercializzazione di opere d’arte internazionali a fini speculativi o culturali.
Il rendimento e la soddisfazione che ne consegono non hanno paragoni con qualsiasi altro tipo di investimento.


antiquariato gognasrl

GOGNABROS si occupa di restauro e commercio tradizionale di antiquariato dal 1959.

Dal 1998 ha come attività prevalente il commercio elettronico di antiquariato.

La tradizione antiquaria familiare e l’adattamento ai nuovi sistemi di vendita, sono le basi sulle quali i fratelli Guido e Gabriele Gogna hanno ideato il sito di vendite on line WWW.GOGNABROS.IT.

La sede principale si trova a Tortona (AL) nel nord-ovest Italiano.

Una fitta rete di raccoglitori ed il nome conosciuto a livello nazionale, ci permettono di acquistare quotidianamente antiquariato e arredi di alta qualità prodotti in Italia, antichi e moderni.

Personale e magazzini sono adeguati al commercio Internazionale.

Ogni opera o articolo è on-line completo di descrizione, misure, prezzi e aggiornamenti quotidiani.

Imballo e spedizione per ogni articolo sono possibili in tutto il mondo.

Per i commercianti stranieri offriamo deposito gratuito della merce prenotata fino al raggiungimento del volume desiderato.

Tra i nostri servizi la possibilità di definire condizioni personalizzate.
sito online antichita

Presso la nostra sede è disponibile una biblioteca che vanta 3300 volumi rari, tra monografie e libri d’arte.

Vi invitiamo a consultare gratuitamente tutti i nostri testi per le vostre ricerche.


biblioteca libri rari

Siamo promotori della produzione antiquaria italiana; utilizzando come canale principale di vendita il nostro sito www.gognabros.it raggiungiamo clienti in ogni parte del mondo.

Forniamo certificazioni artistiche e certificazioni scientifiche avvalendoci dei migliori esperti internazionali.

Grande visibilità è giunta anche dalle vendite eBay, con il nome di “gognasrl” siamo stati certificati dalla piattaforma ebay.it, per due anni consecutivi, numero uno in Italia per fatturato e per oggetti venduti nella categoria arte e antiquariato.

Più di 14000 clienti diversi nel mondo.

60 mila aste pubblicate con un feedback positivo al 100%

La profonda conoscenza del mercato e l’abituale collaborazione con i maggiori mercanti italiani ci permette di reperire, in qualità e quantità, opere italiane assecondando rapidamente anche il collezionista più esigente.


antiquariato bugatti

Cercate i nostri articoli pubblicati quotidianamente su www.gognabros.it

Parte di essi, in alternativa, sono proposti tramite Ebay con asta senza riserva a partire da 1€..

Seguiteci! Farete affari d’oro….

 

antiquariato antichita aste

Compro scultura bronzo Paul Troubetzkoy perizia gratuita, offerta immediata gratis.

Stima scultura bronzo Paul Troubetzkoy valutazione gratuita, perizia.
Prezzo scultura bronzo Paul Troubetzkoy , prezzi di mercato.
Quanto vale scultura bronzo Paul Troubetzkoy? , quanto costa scultura bronzo Paul Troubetzkoy?
Invia le tue foto di scultura bronzo Paul Troubetzkoy a info@gognasrl.it prezzo on-line gratis.
Gognabros acquista, compra, vende scultura bronzo Paul Troubetzkoy pagamento contante.
Servizio di affidamento, certificazione scientifica, certificazione artistica,
expertise, deposito, gestione, vendita, investimento per scultura bronzo Paul Troubetzkoy.
Contatta Gognabros anche su whatsapp per una consulenza gratuita immediata per scultura bronzo Paul Troubetzkoy.
Gabriele Gogna +39 3495505531
Guido Gogna +39 3471341137