Tortona quadro castello Grevenbroeck 1

Charle Leopold Grevenbroeck (nato a Milano, notizie dal 1715 – Napoli 1758-1759)

titolo: L’assedio di Tortona

Commissionato e pagato da Carlo Emanuele III nel 1745 (Conti della Real Casa)

Quadro olio su tela , misure: cm 57 x 40,5

L’importante dipinto è opera di Charle Leopold Grevenbroeck, raro pittore, di origine fiamminga attivo a
Torino a partire almeno dal 1715.

Oltre ad essere una bellissima battaglia, ricchissima di dettagli, chiara e luminosa è anche un raro
documento storico relativo alla vedutistica tortonese. Ci mostra la parte alta della città come si presentava
nel 1734. Purtroppo oggi il paesaggio è totalmente cambiato perché la fortificazione fu minata e distrutta
da Napoleone nel 1801. Ad oggi rimane solamente una delle molteplici torri visibili nel quadro in oggetto.
Il pittore, in questa eccezionale battaglia, applica la tradizionale e convenzionale norma dell’ uso
di piani prospettici distinti: In primo piano quelli più scuri e più vivaci, con colori caldi, e in seguito a degradare
tonalità a mano a mano più fredde, fino alle lontananze azzurrine delle montagne. La scena si dispone
in un apparente disordine che va progressivamente risolvendosi a mano a mano che ci si allontana dallo stesso e
ci si avvicina all’ ordinata visione delle fortificazioni e del castello; elemento di fusione fra i vari piani sono i polveroni
della battaglia che si levano verso l’alto e si stemperano e si fondono progressivamente con le nubi leggere del cielo.
Il quadro  fu commissionato del 1745 dalla Casa Reale dei Savoia ed era ritenuto fino ad oggi scomparso.
L’assedio di Tortona si colloca nel complicato meccanismo europeo della guerra di successione polacca.
Nel 1706 la città era stata annessa alla Lombardia, nel 1734 venne assediata e sconfitta, persa e riconquistata nel 1745;
con la pace di Aquisgrana del 1748 definitivamente fu annessa ai domini sabaudi.
Nel  dipinto è raffigurato Carlo Emanuele III in basso a destra, con i suoi comandanti, i suoi dragoni e
la bandieracolonnella“, che riceve gli omaggi dei gallo-ispanici che presentano le bandiere ammainate e si inginocchiano.

Tortona quadro castello Grevenbroeck 5

Sullo sfondo la battaglia ferve ancora con zuffe e nuvole di polvere che si levano lungo il profilo della città e della parte
alta fortificata, ben riconoscibile nel confronto con stampe antiche, di cui pubblichiamo infondo a questo articolo alcune foto.
L’opera ritrovata si presenta dunque come un nuovo tassello nella ricostruzione della personalità di questo singolare artista, stimato e ricercato da molte corti europee. Stilisticamente, e la tela appare più evoluta e “rocaille” rispetto alla Battaglia di Torino,
di cui conserva però il gusto per la veduta a volo d’uccello e per la resa paesaggistica minuziosa. Il ritrovamento a Torino
di un nuovo dipinto del Grevenbroeck documentato storicamente permette di meglio comprendere l’attività dell’ artista
snella capitale subalpina e il suo stile. A Torino i pittori fiandro-olandesi avevano conosciuto una lunga stagione di successo
nel settore collezionistico fin dal primo Seicento e la pittura di Grevenbroeck con la sua precisione analista,
la sua stesura cromatica fluida e smaltata non poteva che essere gradita a corte.
Carlo Emanuele III celebrò anche con un altro dipinto la sua vittoria di Tortona:
Ordinò infatti a Giacinto La Pegna un quadro che raffigurasse questo episodio e che fu pagato al pittore il 2 settembre 1745. 

Tortona quadro castello Grevenbroeck 3

 

note biografiche di :

Charle Leopold Grevenbroeck (nato a Milano, notizie dal 1715 – Napoli 1758-1759)

Questo maestro risulta pagato fin dal 1717 dalla tesoreria del Principe di Carignano, mentre nel 1720 era
pagato per “piccoli quadri battaglie” eseguiti a servizio di Sua Altezza Reale il principe ereditario.
Nel 1726 dipingeva un “Quadro grande rappresentante Luigi XIV 
re di Francia a cavallo e corona d’alloro”,
oggi alla Galleria Sabauda.
 Nel 1745 il Grevenbroeck riceve pagamenti per piccoli quadri e per
un quadro raffigurante l’Assedio di Tortona.
Il pittore risulta dunque essere stato a Torino apprezzato esecutore di vedute, di battaglie,
prospettive di edifici e architetture prospettiche varie. Una serie di vedute di Parigi, firmate e datate fra
il 1738 e il 1740, oggi al musèe Carnavalet di Parigi, sembra testimoniare della presenza del pittore in Parigi.
Inoltre due quadri firmati e datati 1734, con vedute di Cracovia, ed altri con vedute di Lione suggeriscono
che l’artista abbia potuto effettuare durante la sua vita numerosi viaggi. La lunga stagione subalpina – pur
con pause significative attualmente non ben conosciute, ma che le date di alcuni suoi quadri sembrano
aiutare a comprendere, tramontò per motivi che ci sfuggono verso la fine del 1750.
Un documento dell’8 novembre 1745 riporta “Illustrissimo Signor Barone Carlo Leopoldo del fù
Illustrissimo Signor Conte del Ponte Barone Grevembroeck oriondo Olandese della Città di Milano
et nella presente residente”. Carlo Leopoldo risulta pertanto avere titolo nobiliare di barone, di essere
oriundo olandese,ma nato nella città di Milano e residente a Torino.
Il pittore si sposa in Duomo il 30 novembre 1715 con Teresa Francesca Ferraris, torinese.
Ancor prima che la moglie morisse, il pittore fu attratto da Napoli per l’ ultimo periodo della sua vita.
L’8 gennaio 1715 è già nella capitale partenopea. Muore a Napoli nel 1758-1759

Tortona quadro castello Grevenbroeck 2

 

Tortona quadro castello Grevenbroeck 4
Tortona quadro castello Grevenbroeck 7

Tortona quadro castello Grevenbroeck 8

Tortona quadro castello Grevenbroeck 9

Tortona quadro castello Grevenbroeck 11

Tortona quadro castello Grevenbroeck 12

Tortona quadro castello Grevenbroeck 14

Tortona quadro castello Grevenbroeck 13

Tortona quadro castello Grevenbroeck 18

Tortona quadro castello Grevenbroeck dipinto 16

Tortona quadro castello veduta Grevenbroeck 15

Tortona quadro castello veduta Grevenbroeck 17 Giacinto la Pegna, L' assedio di Tortona del 1734  Dipinto nel 1752 Torino, Palazzo Reale

Giacinto la Pegna, L’ assedio di Tortona del 1734
Dipinto nel 1752
Torino, Palazzo Reale

 

tortona con le sue fortificazioni nel XVII secolo
tortona con le sue fortificazioni nel XVII secolo

charles leopold grevenbroeck 18

 

 

fonti tratte da:
Dott. Cav. Arabella Cifani
Storico dell’Arte Perito d’Arte del Tribunale di Torino
Le case d’asta del settore specifico fanno mediamente un 30% di venduto.
La merce non venduta (70%) rimane inevitabilmente indicizzata con foto,descrizione e prezzo su tutti i siti specialistici. Pertanto l’oggetto rimane “bruciato” sul mercato per moltissimi anni con un pregiudizio negativo legato a tale pubblicazione.
I tempi per l’inserimento in asta e liquidazione sono sempre molto lenti.
Gognabros offre un servizio molto più performante.
Avvio immediato della procedura di perizia gratuita, acquisto o affido.
In caso di affido i tempi per la gestione e vendita si estendono al massimo in 2 settimane.
La gestione delle opere in affido è totalmente gratuita, professionale, tempestiva e assicurata.
Gognabros propone direttamente la merce alla migliore clientela nazionale e internazionale senza passare da alcun sito on line. Le opere vengono proposte individualmente ad ogni cliente.
Le informazioni commerciali rimangono totalmente riservate, in caso di invenduto non è pregiudicata la vendibilità futura dell’oggetto, che rimane “vergine” sul mercato.
La percentuale di venduto di Gognabros è oltre il 95%.
Gognabros, su vostro incarico, esegue: ricerca, acquisto gestione ecommercializzazione di opere d’arte internazionali a fini speculativi o culturali.
Il rendimento e la soddisfazione che ne consegono non hanno paragoni con qualsiasi altro tipo di investimento.


antiquariato gognasrl

GOGNABROS si occupa di restauro e commercio tradizionale di antiquariato dal 1959.

Dal 1998 ha come attività prevalente il commercio elettronico di antiquariato.

La tradizione antiquaria familiare e l’adattamento ai nuovi sistemi di vendita, sono le basi sulle quali i fratelli Guido e Gabriele Gogna hanno ideato il sito di vendite on line WWW.GOGNABROS.IT.

La sede principale si trova a Tortona (AL) nel nord-ovest Italiano.

Una fitta rete di raccoglitori ed il nome conosciuto a livello nazionale, ci permettono di acquistare quotidianamente antiquariato e arredi di alta qualità prodotti in Italia, antichi e moderni.

Personale e magazzini sono adeguati al commercio Internazionale.

Ogni opera o articolo è on-line completo di descrizione, misure, prezzi e aggiornamenti quotidiani.

Imballo e spedizione per ogni articolo sono possibili in tutto il mondo.

Per i commercianti stranieri offriamo deposito gratuito della merce prenotata fino al raggiungimento del volume desiderato.

Tra i nostri servizi la possibilità di definire condizioni personalizzate.
sito online antichita

Presso la nostra sede è disponibile una biblioteca che vanta 3300 volumi rari, tra monografie e libri d’arte.

Vi invitiamo a consultare gratuitamente tutti i nostri testi per le vostre ricerche.


biblioteca libri rari

Siamo promotori della produzione antiquaria italiana; utilizzando come canale principale di vendita il nostro sito www.gognabros.it raggiungiamo clienti in ogni parte del mondo.

Forniamo certificazioni artistiche e certificazioni scientifiche avvalendoci dei migliori esperti internazionali.

Grande visibilità è giunta anche dalle vendite eBay, con il nome di “gognasrl” siamo stati certificati dalla piattaforma ebay.it, per due anni consecutivi, numero uno in Italia per fatturato e per oggetti venduti nella categoria arte e antiquariato.

Più di 14000 clienti diversi nel mondo.

60 mila aste pubblicate con un feedback positivo al 100%

La profonda conoscenza del mercato e l’abituale collaborazione con i maggiori mercanti italiani ci permette di reperire, in qualità e quantità, opere italiane assecondando rapidamente anche il collezionista più esigente.


antiquariato bugatti

Cercate i nostri articoli pubblicati quotidianamente su www.gognabros.it

Parte di essi, in alternativa, sono proposti tramite Ebay con asta senza riserva a partire da 1€..

Seguiteci! Farete affari d’oro….

 

antiquariato antichita aste

Compro charles leopold grevenbroeck perizia gratuita, offerta immediata gratis.

Stima charles leopold grevenbroeck valutazione gratuita, perizia.
Prezzo charles leopold grevenbroeck , prezzi di mercato.
Quanto vale charles leopold grevenbroeck ? , quanto costa charles leopold grevenbroeck ?
Invia le tue foto di charles leopold grevenbroeck a info@gognasrl.it prezzo on-line gratis.
Gognabros acquista, compra, vende charles leopold grevenbroeck pagamento contante.
Servizio di affidamento, certificazione scientifica, certificazione artistica,
expertise, deposito, gestione, vendita, investimento per charles leopold grevenbroeck .
Contatta Gognabros anche su whatsapp per una consulenza gratuita immediata per charles leopold grevenbroeck .
Gabriele Gogna +39 3495505531
Guido Gogna +39 3471341137