Il termine Grand Tour fu coniato da Richard Lassels, sacerdote cattolico che per ben cinque volte visitò il nostro paese, narrando poi il viaggio nel suo libro The Voyage of Italy, or A compleat journey through Italy, pubblicato nel 1670. Trova così una definizione il lungo viaggio sul continente compiuto dai rampolli dell’aristocrazia europea, per lo più inglesi, francesi e tedeschi, attraverso la Francia e la Svizzera per approdare infine in Italia. Il percorso poteva essere fatto via terra, attraverso il valico del Moncenisio con tappa a Torino, proseguendo per Milano, Firenze, Roma, oppure via mare, sbarcando a Genova, per poi toccare le città di Bologna, Firenze, Siena, Lucca fino a Roma. Il Grand Tour acquista importanza sempre maggiore parallelamente al declino delle università italiane, per secoli meta privilegiata del viaggio di istruzione di moltissimi studenti europei, e, sebbene già diffuso nel seicento, raggiunge il suo culmine nel 1700. Si tratta di un viaggio complesso, di formazione, apprendimento e perfezionamento, la cui durata varia da pochi mesi a diversi anni, considerato parte essenziale nell’educazione dei figli delle classi dirigenti europee. Accompagnati da valletti e servitori, viaggiano spesso con un precettore, talora illustre. Meta fondamentale del viaggio è l’Italia, con le sue città d’arte, le sue innumerevoli grandiose testimonianze del mondo romano e greco e della splendida civiltà rinascimentale, cui si aggiungono la ricchezza del paesaggio e la particolare morfologia di alcuni territori. Infatti se nel 600 sono soprattutto Venezia, Firenze e Roma le tappe privilegiate, con il 700 anche Napoli e la Sicilia (dove si arriva quasi solo via mare) entrano a pieno titolo nelle mete dei viaggiatori. Napoli, con il Vesuvio e la sua celeberrima eruzione del 1674, la solfatara dei Campi Flegrei, le isole di Capri, Ischia e Procida e la Costiera amalfitana, e dagli anni quaranta del 700 i primi scavi di Ercolano e Pompei; la Sicilia con l’Etna e i vulcani delle isole minori, e la scoperta dei templi dorici ad Agrigento, Selinunte, Segesta e Siracusa. Al viaggio è legata l’intensa attività di pittori e incisori, italiani e stranieri, residenti nei luoghi del Grand Tour oppure assunti per il viaggio, che fungono da guide, da intermediari per acquisto di opere e oggetti d’arte, e soprattutto illustrano con i loro dipinti (a volte veri capolavori) i luoghi visitati: vedute (da qui il termine Vedutisti) di paesaggi urbani, con le loro fastose architetture o gli inaspettati scorci su piazze e viuzze, tranquilli scenari agresti, le rovine della Magna Grecia e della Roma antica, i fenomeni naturali, ma anche gli abitanti, i loro costumi, le sontuose feste religiose (la festa del Redentore a Venezia o il festino di Santa Rosalia a Palermo), o profane (il carnevale di Venezia e Roma). Tra i più famosi vedutisti settecenteschi troviamo a Venezia il Canaletto, pittore dalle rigorose prospettive, Francesco Guardi, che dipinge incantate atmosfere lagunari, Bernardo Bellotto, e il più tardo Antonio De Pian, formatosi sulla pittura del Canaletto; fra i pittori viaggiatori, giunti in Italia al seguito di aristocratici o attirati dalle bellezze artistiche del paese ci sono Jean-Honoré Fragonard che nel 1773 accompagna il conte Bergeret de Grandcourt, e che predilige dipingere le ville e i parchi capitolini, Jean Louis David, pittore francese amante del neoclassicismo, Nicolas Poussin, autore di intensi paesaggi, Jakob Philipp Hackert attivo sul finire del 700 presso la corte di Ferdinando di Napoli, e ancora i francesi Jean-Pierre Houel, Claude Louis Chatelet, Louis Jean Desprez, il vedutista inglese Thomas Hearne, il pittore irlandese Henry Tresham, Jan Miel, Franz Ludwig Catel, Christoph Heinrich Kniep, Hendrik Frans van Lint, Luigi Mayer, Pompeo Batoni, Giovan Battista Lusieri, Giuseppe Patania, Francesco Zerilli, Andrea Sottile, Tommaso Riolo, e molti altri. A volte, come nel celeberrimo caso di Goethe, sono i viaggiatori stessi che fermano sulla carta le proprie emozioni, La rivoluzione francese interrompe il flusso dei viaggiatori, che riprende ma viene nuovamente ostacolato dalle guerre napoleoniche che dilagano in tutta Europa, rendendo difficile e pericoloso il viaggio. Quando intorno al 1815 si riprende a viaggiare, il Grand Tour, come si era strutturato nel 700, è praticamente finito. La stereotipia del viaggio si interrompe, nascono nuovi percorsi che attraversano le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo. I viaggiatori ora sono anche piccolo borghesi, insegnanti, intellettuali, non solo europei ma anche americani, e si spostano con il nuovo mezzo di trasporto, il treno, organizzati in gruppi dalla prima agenzia turistica, nata in Inghilterra, la Thomas Cook & son. (mb49)

 

VUOI ACQUISTARE
o avere maggiori info su Grand Tour, viaggio in Italia?

compralo subito

per procedereall'acquisto:
prenota via mail: [email protected]
conferma telefonicamente h24

Gabriele Gogna: +39 3495505531
ok whatsapp

vedi l'opera dal vivo

via Euripide angolo via Eschilo Milano
(zona City-Life) sarai nostro gradito ospite
fissa un appuntamento

Gabriele Gogna: +39 3495505531
ok whatsapp

richiedi maggiori dettagli

maggiori informazioni
ulteriori dettagli fotografici
mail: [email protected]

Gabriele: +39 3495505531
ok whatsapp

+ perche' acquistare da noi +

Professionisti del settore Antiquariato e Restauro dal 1959,
Gogna tratta con passione e competenza oggetti antichi e opere d'arte, in italia e nel mondo.
La ricerca costante di opere inedite,
la conoscenza della storia dell'arte,
un report condition approfondito ed affidabile,
la stretta collaborazione con i migliori restauratori,
l'attenta analisi dell'evoluzione del gusto e del mercato, sono gli elementi della “ricetta” che Gogna utilizza per soddisfare i collezionisti più esigenti.

VUOI VENDERE
o valutare un'Opera simile a Grand Tour, viaggio in Italia?

+ vendita: perché vendere Grand Tour, viaggio in Italia a noi +

pagamento immediato
trasporto e logistica sempre a nostro carico
acquisti e ritiri ovunque
valutazione gratuita (anche se non compriamo)
stima e offerta senza impegno

Perche affidare a Gognabros Grand Tour, viaggio in Italia? clicca qui

Gognabros offre un servizio performante.
Avvio immediato della procedura di perizia gratuita, acquisto o affido.
In caso di affido i tempi per la gestione e vendita si estendono al massimo in 2 settimane, salvo diversa personalizzazione.
La gestione delle opere in affido è totalmente gratuita, professionale, tempestiva e assicurata.
Gognabros propone direttamente la merce alla migliore clientela nazionale e internazionale senza passare da alcun sito on line.
Le opere vengono proposte individualmente ad ogni cliente.
Le informazioni commerciali rimangono totalmente riservate, in caso di invenduto non è pregiudicata la vendibilità futura dell'oggetto, che rimane inedito sul mercato.

+ asta: perché mettere in asta Grand Tour, viaggio in Italia da noi +

commissioni a tuo credito: nessuna commissione sulla vendita
premio di vendita: 5% di premio per il venditore oltre al risultato d'asta
pagamento anticipato: possibilità di pagamento in anticipo (prima dell'asta) fino all'80% della base
garanzia di vendita: la base d'asta può essere anche la nostra proposta di acquisto
tempi brevi: l'asta del tuo oggetto può essere organizzata in pochi giorni
visibilità: la promozione dell'asta è indicizzata su tutti i motori di ricerca del settore
privacy: eventuali invenduti NON sono resi pubblici

Chi è Gogna Bros

antiquariato gognasrl

GOGNABROS si occupa di restauro e commercio tradizionale di antiquariato dal 1959.

Dal 1998 ha come attività prevalente il commercio elettronico di antiquariato.

La tradizione antiquaria familiare e l'adattamento ai nuovi sistemi di vendita, sono le basi sulle quali i fratelli Guido e Gabriele Gogna hanno ideato il sito di vendite on line www.gognabros.it

Dal 2018 la sede è a Milano Via Euripide angolo Via Eschilo (zona City-Life).

Una fitta rete di Contatti e Operatori del settore ci permettono di acquistare quotidianamente antiquariato e arredi di alta qualità prodotti in Italia, antichi e moderni.

Ogni opera o articolo è on-line completo di descrizione, misure, prezzi e aggiornamenti quotidiani.

 

sito online antichita

 

Presso la nostra sede è disponibile una biblioteca che vanta 3300 volumi rari, tra monografie e libri d'arte.
Vi invitiamo a consultare gratuitamente tutti i nostri testi per le vostre ricerche.

Forniamo certificazioni artistiche e certificazioni scientifiche avvalendoci dei migliori esperti internazionali.

antiquariato antichita aste

 

Compro Grand Tour, viaggio in Italia perizia gratuita, offerta immediata gratis.

Stima Grand Tour, viaggio in Italia valutazione gratuita, perizia.
Prezzo Grand Tour, viaggio in Italia , prezzi di mercato, quotazioni.
Quanto vale Grand Tour, viaggio in Italia? , quanto costa Grand Tour, viaggio in Italia?
Invia le tue foto di Grand Tour, viaggio in Italia a [email protected] prezzo on-line gratis.
Gognabros acquisto, compro, quotazione, vendo Grand Tour, viaggio in Italia pagamento contante.
Servizio di affidamento, certificazione scientifica, certificazione artistica,
expertise, deposito, gestione, perizie, vendita, investimento per Grand Tour, viaggio in Italia.
Contatta Gognabros anche su whatsapp per una consulenza gratuita immediata per Grand Tour, viaggio in Italia.
Gabriele Gogna +39 3495505531