Vollard e i disegni di  Cèsanne

 

Un cliente di Vollard vede in esposizione tre studi di Cèsanne

“ Ebbene quanto volete per questi schizzi? “

“ Quanti ne comprate? Uno, due o tre? ”

“ Uno mi basta.”

“ Allora sono trentamila franchi. “

“ E se ne comprassi due? “

“ Ottantamila. “

“ E tutti e tre? “

“ Centocinquantamila.“

“ Ma è insensato!”

“ Ascoltatemi bene, caro signore, se ve ne vendo uno me ne rimangono due; se ve ne vendo due me ne  rimane uno; se vendo tutto non ho più nulla. Capito? “

Così era Ambroise Vollard.

fonte: “Souvenir” d’un Marchand de tableaux ” di Ambrosie Vollard (Saint-Denis de La Rèunion 1865/68 – Parigi 1939)