Luigi XV (Dagli Anni Venti Agli Anni Sessanta Del XVIII sec.)

Le date sopra indicate sono approssimative e possono essere dilatate, soprattutto la seconda. Lo Stile Luigi XV è, in fondo, un ingentilimento del Barocco Aulico di Luigi XIV. Si tenga presente, per esempio, che la grandiosità della Versailles, del Re Sole era decisamente scomoda e non difendeva certo dal freddo. Tanto che la “povera” Madame de Maintenon (moglie, infine, morganatica di Luigi XIV) si era fatta costruire una sorta di armadio – cabina nel quale si rifugiava nei giorni più gelidi. Con Luigi XV gli spazi si restringono. Alcuni vasti saloni vengono tramezzati creando ambienti anche di piccole dimensioni. Si tenta, insomma, di vivere un’esistenza, in qualche modo, più umana. Lo Stile Luigi XV tende a soluzioni brillanti e raffinatissime. Brillantezza e raffinatezza che s’impongono per ogni dove: Dipinti, sculture, mobili, abiti….e giù, giù fino ai più minuscoli “ Obiets de vertu “ che sembrano perdere spesso la loro funzionalità per diventare oggetti di puro godimento.