Umanesimo (Dagli Anni Venti Agli Anni Ottanta del XV sec.)

Già sul finire del Trecento L’interesse per l’antichità Greco – Romana si accentua in modo vigoroso ( Francesco Petrarca, Coluccio Salutati) per poi sfociare in quel rinnovamento del pensiero, della letteratura, delle arti e delle scienze in genere, che caratterizzano il Quattrocento. La centralità dell’uomo viene esaltata in un clima intellettuale decisamente ottimistico. L’umanesimo è movimento elitario ed erudito che prepara, affianca e segue il Rinascimento. Da intendersi quest’ultimo, come “ rinascita “ delle arti, evocatrici, appassionate, dell’Antichità Classica.