GLOBO CELESTE, STORIA

ARTICOLO NON DISPONIBILE

I globi celesti già in uso presso i Caldei e gli Egizi nascono come rappresentazione della sfera celeste. Realizzati in pietra, rame, ottone, cartapesta, gesso, legno, montati su perni lignei o metallici e poggiati su base in genere lignea, sono strumenti di studio ma, ancor più, ricercati e lussuosi oggetti ornamentali e da collezione, sempre più raffinati e spesso realizzati in materiali preziosi per committenti prestigiosi. Insigni pittori e incisori raffigurano il cielo secondo la catalogazione che nel volgere dei secoli lentamente muta al passo con le scoperte astronomiche; dal primo catasto del cielo di Tolomeo, che rappresenterà l’eredità scientifica per tutto il Medioevo e il Rinascimento, aggiornato dalle ricerche di astronomi arabi (a questo filone appartengono l’Atlante Farnese del Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il metallico Globo Celeste Arabico risalente al 1080, conservato presso l’Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze), agli studi di Bayer (1603) che aprono il secondo periodo della storia dell’astronomia e l’età d’oro dei globi, ai cataloghi di Bode (1801) che iniziano la terza significativa fase che si concluderà con Delporte (1930), e vedrà una diversificazione fra i prodotti destinati agli astronomi professionisti e quelli dedicati al vasto pubblico di amatori dell’astronomia. Si tracciano l’equatore, i tropici, i circoli polari, l’eclittica, i meridiani degli equinozi e dei solstizi, le costellazioni, a lungo rappresentate con una certa libertà artistica insieme alle loro figurazioni mitologiche, e spesso designate anche con le denominazioni latine e greche. Uno dei più famosi e preziosi globi celesti è italiano, frutto del talento del veneziano Vincenzo Maria Coronelli (1650-1718), famoso in tutta Europa per la bellezza e l’accuratezza dei suoi manufatti, caratterizzati da un disegno raffinato e sontuoso; per il Re Sole costruisce due globi di grandi dimensioni (uno celeste e uno terrestre, oggi nella Bibliothèque Nationale de France), raffigurando in quello celeste il cielo alla nascita di Luigi XIV, con rappresentazioni metaforiche delle costellazioni e dei corpi celesti, dipinto e miniato da Jean-Baptiste Corneille. Li realizza utilizzando la tecnica dei fusi, introdotta già nei primi anni del 1500 da Martin Waldseemüller, basata sull’invenzione della stampa: spicchi in carta sui quali è stampata a settori la raffigurazione della terra o della volta celeste, applicati sull’intelaiatura ricoperta in genere di tela di canapa e pasta di carta di cotone. In generale si può dire che i globi costruiti entro la prima metà del 700 sono stampati su carta vergata, che, vista in controluce, presenta linee verticali e orizzontali; per quanto concerne i colori, la maggior parte di essi fino al tardo 800 sono dipinti a mano con colori ad acquerello, e sono il risultato di un processo di stampa tradizionale come l’acquaforte. La grande diffusione di questa forma di rappresentazione va dal XVI al XVIII secolo, giungendo fino alla fine dell’800, quando le esigenze dell’epoca moderna rendono inadeguato il lungo procedimento di costruzione, la lentezza degli aggiornamenti, la difficoltà di trasporto. Si passa alla tecnica della litografia che permette di stampare ed aggiornare le carte con sempre maggiore attenzione alle posizioni delle stelle, ricavate dai cataloghi redatti dai migliori osservatori. Nei globi amatoriali rimarrà più a lungo, a scopo ornamentale, la rappresentazione in disegno del personaggio della costellazione, fino a quando fra il 1922 e il 1930 l’Unione Astronomica Internazionale formula i criteri per rendere omogenea e comparabile la produzione delle carte e dei globi celesti. Si chiude così una lunga epoca in cui arte, storia, mito, poesia e scienza avevano concorso a produrre le più belle opere scientifiche della tradizione occidentale. (mb49)

VUOI ACQUISTARE?

O avere maggiori info su quest’opera?

COMPRALO SUBITO

Prenota via mail: [email protected]
Conferma telefonicamente h24 | WhatsApp
Gabriele Gogna: +39 3495505531 | WhatsApp

VEDI L'OPERA DAL VIVO

Via Euripide angolo via Eschilo Milano
(zona City-Life)
fissa un appuntamento, sarai nostro gradito ospite

RICHIEDI MAGGIORI DETTAGLI

Maggiori informazioni tecniche
Ulteriori dettagli fotografici

PERCHÈ ACQUISTARE DA NOI

Professionisti del settore Antiquariato e Restauro dal 1959, Gogna tratta con passione e competenza oggetti antichi e opere d’arte, in Italia e nel mondo, guidando appassionati, collezionisti ed investitori.

  • La ricerca costante di opere inedite,
  • la conoscenza della storia dell’arte,
  • un report condition approfondito ed affidabile,
  • la stretta collaborazione con i migliori restauratori,
  • l’attenta analisi dell’evoluzione del gusto e del mercato

sono gli elementi della “ricetta” che Gogna utilizza per soddisfare i collezionisti più esigenti.

Approfondimenti:
Consulenza
| Contatti | Spedizioni | Pagamenti |Deposito

VUOI VENDERE?

O valutare gratis un'opera simile a questa?

VENDITA

Perché vendere Globo Celeste da noi?

Pagamento immediato
Logistica sempre a nostro carico
Acquisti e ritiri ovunque
Valutazione gratuita (anche se non compriamo)
Stima e offerta senza impegno.

AFFIDAMENTO

Perché dare in affidamento Globo Celeste a noi?


Nessuna spesa: perizie e studi gratuiti / trasporti e logistica a nostro carico
Tempi brevi: affidamenti personalizzati anche di pochi giorni
Gestione mirata: affidamenti rivolto direttamente ai nostri collezionisti
Privacy: pubblicazione on line solo su richiesta, trattamento dei dati riservato
Invenduto: accettiamo in affido opere ritenute vendibili al 90% tramite i nostri canali

ASTA

Perché mettere in Asta Globo Celeste da noi?

Zero Commissioni: nessuna commissione sulla vendita
Premio di vendita: 5% di premio per il venditore oltre al risultato d’asta
Pagamento anticipato: possibilità di pagamento in anticipo (prima dell’asta) fino all’80% della base
Garanzia di vendita: la base d’asta può essere anche la nostra proposta di acquisto
Tempi brevi: l’asta del tuo oggetto può essere organizzata in pochi giorni
Visibilità: la promozione dell’asta è indicizzata su tutti i motori di ricerca del settore
Privacy: eventuali invenduti NON sono resi pubblici

Approfondimenti:
Cosa acquistiamo e cosa no
| Invia foto | Valutazioni | Perizie | Eredità

Gabriele Gogna

INVESTIMENTI SICURI PER CHI VENDE E COMPRA ANTICHITÀ

Professionisti del settore Antiquariato e Restauro dal 1959, Gogna tratta con passione e competenza oggetti antichi e opere d’arte, in Italia e nel mondo. Collezionisti e investitori sono guidati da Gabriele Gogna alla scoperta dei segreti e del reale valore di ogni singola opera.

  • La ricerca costante di opere inedite,
  • la conoscenza della storia dell’arte,
  • un report condition approfondito ed affidabile,
  • la stretta collaborazione con i migliori restauratori,
  • l’attenta analisi dell’evoluzione del gusto e del mercato,

sono gli elementi della “ricetta” che Gogna utilizza per soddisfare i collezionisti più esigenti.

Nel 2018 è nato il progetto culturale coordinato dall’Associazione Euripide 7 con il preciso obbiettivo di coordinare mostre, performance art, presentazioni, esposizioni, sfilate, eventi e aste benefiche. Cultura, Filantropia, Mecenatismo e Beneficenza, sotto il segno dell’Arte coinvolgono appassionati da tutto il mondo.

Compro Globo Celeste, perizia gratuita, offerta immediata gratis. Stima Globo Celeste valutazione gratuita, perizia. Prezzo Globo Celeste, prezzi di mercato, quotazioni. Quanto vale Globo Celeste? Quanto costa Globo Celeste?

Invia le tue foto di Globo Celeste a [email protected] prezzo on-line gratis.
Gogna acquisto, compro, quotazione, vendo Globo Celeste pagamento contante.

Servizio di affidamento, certificazione scientifica, certificazione artistica, expertise, deposito, gestione, perizie, vendita, investimento per Globo Celeste.

Contatta Gogna anche su whatsapp per una consulenza gratuita immediata per Globo Celeste.

Gabriele Gogna +39 3495505531

Chinese (Simplified)EnglishItalianRussian