Quadro dipinto da Salomon Adler – “Contessa di Caslbuttano” Cremona

Contessa di Casalbuttano Isabella Schinchinelli dipinto per il matrimonio del 18 ottobre 1692 ( Cremona)
Autore : Salomon Adler (Danzica, 1630-Milano, 1709).
lo stemma riprodotto è l’unione dei due stemmi Magio e Schinchinelli.

Isabella Magio di Carlo e Faustina Pallavicino, nasce nella Parrocchia di Santa Lucia il 23 giugno 1664. Sposa il 18 ottobre 1692 nella Parrocchia di S. Vittore Alessandro Schinchinelli. Muore l’8 giugno 1733 e con anni 70 (Parrocchia di S. Elena) e viene ricordata come moglie di Alessandro Schinchinelli. La Parrocchia di S. Elena era alla fine di corso Campi dove inizia corso Garibaldi e quindi è verosimile che abitasse nel palazzo Schinchinelli di via Cadolini.

Carlo Alessandro Schinchinelli di Cristoforo (conte di Casalbuttano) nasce nella Parrocchia di S. Pietro il 12 marzo 1642 e muore a S. Elena (quindi stessa Parrocchia della moglie) il 2 ottobre 1708 con anni 58. Notizie dal seguente fondo: Raccolta araldica Sommi Picenardi, Genealogie di famiglie, voll. 79 e 80.
Ricerca storica Dott.sa Angela Bellardi

Dopo le foto la scansione della scheda di Emilio Negro che attribuisce il dipinto a Salomon Adler

Misure:83 x 114 cm  + cornice 101 x 132 cm
(02249008)

Su richiesta disponibili altri dettagli fotografici 

Emilio Negro

Ritratto di gentildonna con ventaglio
Olio su tela, cm 114 x 83

Iscrizioni: *ISABELLA MAGGIA SCHINCHINELLA/ CONTESSA DI CASL BUTTANO” in lettere capitali seicentesche tracciate con pennello e colore nero, leggibili nel cartiglio sotto l’arma nobiliare dipinta in alto a sinistra.

Il dipinto è in buono stato di conservazione, come è stato confermato anche dalla leggera pulitura eseguita recentemente; ritrae un’elegante nobildonna a due terzi di figura e leggermente in tralice che ha il capo e le spalle coperte da una preziosa mantilla bianca, dai lati della quale pendono due lunghi pizzi del medesimo colore. La protagonista della tela tiene nella mano destra un ventaglio chiuso e porta al collo una pregiata collana di perle da cui pende una croce di pietre preziose in parure con gli orecchini e con il ricamo di fili d’oro cucito al centro del decolté; completano l’abbigliamento uno sfarzoso corpetto rosso a mezze maniche da cui fuoriesce il medesimo raffinato ricamo della mantilla; il sottostante abito amaranto ricamato è sagomato dalla vita in giù dal guardinfante. Come risulta dalla scritta coeva dipinta nel cartiglio sotto gli stemmi nobiliari congiunti dei Magio e degli Schinchinelli, l’avvenente dama vestita secondo i canoni della moda italo-spagnola della seconda metà del XVII secolo, è donna Isabella Magio (Cremona, 23 giugno 1664-8 giugno, 1733), figlia dei nobili Carlo e Faustina Pallavicino e nata nella parrocchia di S. Lucia; il 18 ottobre 1692 sposò, nella parrocchia cremonese di S. Vittore, Carlo Alessandro Schinchinelli (Cremona, 1642-1708). Non sono note altre immagini della nobildonna e ciò fa supporre che ella si sia fatta effigiare quando annunciò il fidanzamento ufficiale oppure quando all’incirca ventottenne vesti l’abito nuziale; era infatti tradizione della nobiltà far ritrarre le gentildonne in occasione di promesse di matrimonio o di sponsali. L’elegante composizione ritrattistica, valorizzata dall’accurata descrizione dell’abito e dalla tonalità calda della luce che illumina il roseo incarnato della protagonista, fu probabilmente realizzata in occasione di uno dei due gioiosi eventi. Riguardo ai canoni stilistici, è evidente che il dipinto racchiude in sé modalità culturali che spaziano dall’introspezione nordica con influenze vagamente rembrandtiane, ad influssi compositivi, cromatici e materici tipicamente lombardi e veneti, derivati in primis dal veneziano Sebastiano Bombelli: tali coordinate stilistiche consentono di attribuire questo vivido Ritratto di gentildonna con ventaglio a Salomon Adler (Danzica, 1630-Milano, 1709) il quale, pur essendo un pittore di chiare ascendenze nordeuropee, è ormai considerato a pieno titolo un artista di scuola norditaliana: solo negli ultimi decenni la sua biografia ha assunto contorni meglio definibili, visto che in passato era noto per essere stato maestro, a Milano, del famoso ritrattista Fra Galgario. Effettivamente Adler giunse in Italia ancora giovane verso il 1650 e nella nostra penisola rimase per tutta la vita: soggiornò quasi certamente a Venezia ma anche a Bergamo, dove si conservano sue importanti opere nella Collezione Lupi. Attorno al 1656 si stabili definitivamente a Milano: qui divenne assai famoso e richiesto dalla committenza lombarda più altolocata, grazie alla vivacità delle sue “teste di carattere” e soprattutto per a bellezza dei suoi ritratti, non a caso rassomiglianti a quello in esame. La sua fresca vena inventiva è evidentemente debitrice alla ritrattistica fiamminga, ma anche a quella del già ricordato pittore lagunare Bombelli, mentre la comunicativa cordiale che anima i ritratti di Adler è altresi vivacizzata da un’intima vitalità, non senza una certa foga di spirito barocco nella teatralità delle vesti ed una peculiare bonaria espressività. Il confronto con i ritratti giovanili dipinti da Adler, tra i quali si ricorda il corpus di effigi di benefattori della Ca’ Granda all’Ospedale Maggiore di Milano (una delle importanti collezioni che raccoglie le tele di questo notevole maestro e della sua scuola), consente di formulare l’attribuzione qui indicata; tra le opere di Salomon Adler conservate nella citata antica istituzione milanese vale la pena di ricordare il Ritratto di Chiara Boffi Pirogalli per le palesi analogie inventive e materiche col nostro Ritratto di gentildonna con ventaglio, giacche entrambi furono eseguiti credibilmente negli armi della prima maturità artistica del maestro.

VUOI ACQUISTARE?

O avere maggiori info su quest’opera?

COMPRALO SUBITO

Prenota via mail: info@gognasrl.it
Conferma telefonicamente h24 | WhatsApp
Gabriele Gogna: +39 3495505531 | WhatsApp

VEDI L'OPERA DAL VIVO

Via Euripide angolo via Eschilo Milano
(zona City-Life)
fissa un appuntamento, sarai nostro gradito ospite

RICHIEDI MAGGIORI DETTAGLI

Maggiori informazioni tecniche
Ulteriori dettagli fotografici

PERCHÈ ACQUISTARE DA NOI

Professionisti del settore Antiquariato e Restauro dal 1959, Gogna tratta con passione e competenza oggetti antichi e opere d’arte, in Italia e nel mondo, guidando appassionati, collezionisti ed investitori.

  • La ricerca costante di opere inedite,
  • la conoscenza della storia dell’arte,
  • un report condition approfondito ed affidabile,
  • la stretta collaborazione con i migliori restauratori,
  • l’attenta analisi dell’evoluzione del gusto e del mercato

sono gli elementi della “ricetta” che Gogna utilizza per soddisfare i collezionisti più esigenti.

Approfondimenti:
Consulenza
| Contatti | Spedizioni | Pagamenti |Deposito

VUOI VENDERE?

O valutare gratis un'opera simile a questa?

VENDITA

Perché vendere Salomon Adler da noi?

Pagamento immediato
Logistica sempre a nostro carico
Acquisti e ritiri ovunque
Valutazione gratuita (anche se non compriamo)
Stima e offerta senza impegno.

AFFIDAMENTO

Perché dare in affidamento Salomon Adler a noi?


Nessuna spesa: perizie e studi gratuiti / trasporti e logistica a nostro carico
Tempi brevi: affidamenti personalizzati anche di pochi giorni
Gestione mirata: affidamenti rivolto direttamente ai nostri collezionisti
Privacy: pubblicazione on line solo su richiesta, trattamento dei dati riservato
Invenduto: accettiamo in affido opere ritenute vendibili al 90% tramite i nostri canali

ASTA

Perché mettere in Asta Salomon Adler da noi?

Zero Commissioni: nessuna commissione sulla vendita
Premio di vendita: 5% di premio per il venditore oltre al risultato d’asta
Pagamento anticipato: possibilità di pagamento in anticipo (prima dell’asta) fino all’80% della base
Garanzia di vendita: la base d’asta può essere anche la nostra proposta di acquisto
Tempi brevi: l’asta del tuo oggetto può essere organizzata in pochi giorni
Visibilità: la promozione dell’asta è indicizzata su tutti i motori di ricerca del settore
Privacy: eventuali invenduti NON sono resi pubblici

Approfondimenti:
Cosa acquistiamo e cosa no
| Invia foto | Valutazioni | Perizie | Eredità

Gabriele Gogna

INVESTIMENTI SICURI PER CHI VENDE E COMPRA ANTICHITÀ

Professionisti del settore Antiquariato e Restauro dal 1959, Gogna tratta con passione e competenza oggetti antichi e opere d’arte, in Italia e nel mondo. Collezionisti e investitori sono guidati da Gabriele Gogna alla scoperta dei segreti e del reale valore di ogni singola opera.

  • La ricerca costante di opere inedite,
  • la conoscenza della storia dell’arte,
  • un report condition approfondito ed affidabile,
  • la stretta collaborazione con i migliori restauratori,
  • l’attenta analisi dell’evoluzione del gusto e del mercato,

sono gli elementi della “ricetta” che Gogna utilizza per soddisfare i collezionisti più esigenti.

Nel 2018 è nato il progetto culturale coordinato dall’Associazione Euripide 7 con il preciso obbiettivo di coordinare mostre, performance art, presentazioni, esposizioni, sfilate, eventi e aste benefiche. Cultura, Filantropia, Mecenatismo e Beneficenza, sotto il segno dell’Arte coinvolgono appassionati da tutto il mondo.

Compro Salomon Adler, perizia gratuita, offerta immediata gratis. Stima Salomon Adler valutazione gratuita, perizia. Prezzo Salomon Adler, prezzi di mercato, quotazioni. Quanto vale Salomon Adler? Quanto costa Salomon Adler?

Invia le tue foto di Salomon Adler a info@gognasrl.it prezzo on-line gratis.
Gogna acquisto, compro, quotazione, vendo Salomon Adler pagamento contante.

Servizio di affidamento, certificazione scientifica, certificazione artistica, expertise, deposito, gestione, perizie, vendita, investimento per Salomon Adler.

Contatta Gogna anche su whatsapp per una consulenza gratuita immediata per Salomon Adler ..

Gabriele Gogna +39 3495505531